Cibo, arte e Social Soups

#giovanardifarmaceutici Giovanardi Farmaceutici Uno sguardo sul mondo

Social Soups

Il bello della Giovanardi Farmaceutici è che non si ferma solo al benessere del corpo ma anche della mente, proprio come facevano i romani: “Mens sana in corpore sano”.

Per prenderci cura della nostra e vostra mente, abbiamo deciso di sponsorizzare Social Soups, una piattaforma che nasce nel 2015 grazie all’idea di Maria Rebecca Ballestra e Rachela Abbate, artiste giramondo che collaborano in vari progetti riguardanti la biodiversità delle culture.

Social Soups è contenitore culturale che si snoda attraverso mostre, workshop, attività didattiche e residenze degli artisti. Anche voi vi state chiedendo cosa sono le residenze degli artisti? Tranquilli, abbiamo studiato: sono delle sessioni di alcuni giorni in cui vengono invitati artisti internazionali per trascorrere un periodo di tempo all’interno di un contesto socio urbano.

L’edizione 2016 di Social Soups si svolge nell’incantevole Villa Durazzo Bombrini a Genova Cornigliano, grazie alla collaborazione della GLFC – Genova Liguria Film Commission e di BizArt, e vedrà come protagonisti i giordani Ahmad Malki e Zaid BaQaeen, il valdostano Massimo Sacchetti e la gallese Sara Rees. Gli artisti vengono invitati a realizzare progetti transdisciplinari, soprattutto relazionali, utilizzando la tematica del cibo.

Cibo! Tutti parliamo di cibo, tutti mastichiamo diverse culture, soprattutto in una società come quella occidentale dove ti puoi ritrovare il ristorante italiano, quello giapponese e il fast food tutti nella stessa strada. Ecco perché il cibo è l’elemento culturale più adatto per aprire un dialogo con quelle realtà abitualmente definite “problematiche”, come le periferie e i conflitti culturali. Gli artisti vengono invitati a utilizzare questo tema non solo come pratica relazionale ma anche come oggetto dell’opera stessa. Tutto ciò senza però dimenticarsi di interagire con l’ambiente che lo ospita, potendo scegliere qualsiasi livello di significato attraverso lo strumento del cibo, restituendo così una pratica sociale alla collettività.


Condividi questo post

Lascia un commento